Viene presto la notte

Alla pioggia che stacca il primo freddo sul giorno corto di ottobre dedico i melograni che portavamo dalla campagna alla città dei nostri vent’anni, e i pomeriggi sgranati sul marmo tondo della cucina tramando la confidenza, l’amore che ci ha portati alla stagione migliore con più terra comune di quanto mare potrà invadere mai, se mi guardi ancora come i solchi aperti guardano le nuvole, sapendo che viene presto la notte a dissetarli dopo l’estate e concepire l’erba che ricrescerà giorno dopo giorno, dal ventuno dicembre insieme alla luce del sole sul nostro equatore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...