Una stanza d’aria

Perché abbiamo smesso di scrivere il luogo da cui mandiamo le lettere, ormai lettere al computer? È solo cambiato il tempo di ricezione – definito reale – non certo i connotati dello spazio, il luogo da cui ogni volta siamo seduti a comporle. Abbiamo azzerato il tempo, ma lo spazio che ospita il corpo (in maniera ancora più fondante e reale del nuovo tempo) non si può azzerare, come scrivessimo da una stanza d’aria che galleggia in cielo. Eppure, a nessuno più importa dove siamo quando gli si dedica il pensiero, a motivo di lavoro, affetto o burocrazia. Non si scrive più. Dove siamo non importa.

Annunci

2 pensieri su “Una stanza d’aria

  1. Elisa ha detto:

    Il pensiero e il suo contesto sono un tutt’uno….il fuori e il dentro sono solo concetti derivati dall’ idea di un confine ma se esiste questo confine è sottile quanto un battito di ciglia che spalanca l’occhio al fuori che si fa subito un dentro.
    Ti immagino in Sicilia con una finestra sul mare che fa danzare l’ emozione sulla frangersi spumoso delle onde…tutto un infinito albeggiare di idee misto ad un sentire malinconico di eterno…..

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...